Zucchero e pelle: dai cosmetici alla glicazione, facciamo chiarezza

Zucchero e pelle: rapporto ambivalente. Se ingerito in eccesso dà origine alla glicazione, che degrada il collagene. Nei cosmetici, invece, esfolia e leviga.

“Lo zucchero è pieno di vita!”, recitava un vecchio slogan sulla sostanza dolce per eccellenza. E per la pelle è sempre così? Sì, se lo zucchero figura come ingrediente principale di scrub per il viso e per il corpo. Non può dirsi lo stesso se lo zucchero viene ingerito in grandi quantità. Facciamo chiarezza: un conto è “spalmare” o meglio, strofinare lo zucchero sulla pelle, un altro è assumerlo per via interna.

Che cos’è la glicazione?

Un eccesso di glucosio e fruttosio nel sangue provoca la glicazione, processo fisiologico che è tra le principali cause di invecchiamento. Cosa avviene di preciso? Una volta che lo zucchero arriva nel sangue, reagisce con il collagene e l’elastina (le fibre del derma che danno sostegno alla pelle e fungono da impalcatura), alterandone la struttura. In particolare, queste fibre si diventano più rigide e fragili. Di conseguenza, la pelle perde progressivamente elasticità e tono, e accelera l’invecchiamento con la comparsa di rughe e segni d’espressione. Questo è il fenomeno della glicazione.

Come contrastare questo processo?

Un suggerimento molto utile è scegliere creme con proprietà antiglicazione, cioè con principi attivi che impediscano allo zucchero di danneggiare le fibre del derma. Ci riferiamo sempre a zucchero ingerito attraverso l’alimentazione.

Uno di questi attivi anti-glicazione è l’acetyl tetrapetide-5, un peptide ad azione bio-mimetica, che difende le fibre di collagene ed elastina dal processo di indurimento operato dagli zuccheri, cioè la glicazione stessa. Inoltre, stimola la comunicazione cellulare, favorisce la sintesi di nuovo collagene e protegge dai radicali liberi.

Natural Face Caring Cream SATŌ è una crema viso anti-età in cui spicca la presenza di acetyl tetrapetide-5, il peptide biomimetico che preserva l’integrità delle fibre elastiche della pelle, rendendola più tonica e compatta. Completano la formula l’amido di riso, l’acido ialuronico e le cellule vegetali di mela svizzera per un’azione emolliente, rimpolpante e rassodante.

Lo zucchero nei cosmetici

Se inserito nelle formule di scrub e gommage per viso e corpo, lo zucchero si rivela un portento per restituire alla pelle una levigatezza senza pari. I suoi granuli, essendo più piccoli rispetto a quelli del sale, sono meno aggressivi. Indicati per tutti i tipi di pelle, gli scrub allo zucchero possono essere applicati senza problemi anche sulle parti del corpo affette da da dermatiti e desquamazioni. Anche la pelle impura beneficia del massaggio esfoliante allo zucchero. I movimenti circolari, insieme alle microsfere dello scrub, rimuovono le cellule superficiali dell’epidermide, favorendo la rigenerazione dei tessuti sottostanti. E in superficie la pelle si mostra liscia e luminosa.

Le proprietà cosmetiche dello zucchero vanno oltre l’esfoliazione meccanica. Lo zucchero è anche un antisettico naturale, poiché è capace di purificare la pelle, prevenendo la formazione di imperfezioni e punti neri. Inoltre, si rivela un alleato contro l’iperpigmentazione.

SATŌ Cosmetici (per chi se lo chiedesse, SATŌ in giapponese vuol dire “zucchero”) ha individuato nello zucchero di canna l’ingrediente star dei suoi scrub naturali per il viso e per il corpo. In particolare, lo zucchero di canna

Per il viso c’è Natural Face Scrubbing: grazie allo zucchero di canna extra fino, svolge una esfoliazione meccanica profonda che riattiva il microcircolo, purifica e lascia la pelle subito levigata e setosa correggendo i pori dilatati. Contiene anche olio di rosa Mosqueta ad alto contenuto di acidi grassi essenziali ideali per la rigenerazione delle membrane cellulari e per il rinnovamento dei tessuti cutanei. 

Per il corpo, invece, i granelli di zucchero di canna sono più grandi, adatti a un’epidermide più spessa rispetto al viso. Natural Body Scrubbing esfolia la pelle in profondità riattivando il microcircolo ed eliminando cellule morte e l’aspetto ruvido e poco uniforme. L’olio di rosa Mosqueta, ricco di acidi grassi essenziali, rigenera le membrane cellulari mentre l’olio di crusca di riso e la vitamina E idratano, levigano e nutrono la pelle mantenendola elastica e tonica.

Share:

Parliamo di...

Potrebbe interessarti anche